Come cambiare il filo del decespugliatore?

come cambiare il filo del decespugliatorePrima o poi saremo obbligati a sostituire i filo, c’è poco da fare, ma non dovrai preoccuparti perché la sostituzione del medesimo è piuttosto semplice e non porta via nemmeno tanto tempo.
In questo articolo descriveremo i vari passaggi da seguire per cambiare il filo del decespugliatore. e ti daremo anche dei consigli su quanto cavo mettere e su quale filo scegliere in base al tipo di utilizzo.

 

 

Quanto filo mettere nel decespugliatore?

Per capire quanto filo mettere basta semplicemente guardare o nel libretto di istruzioni oppure informarsi sul sito del rivenditore. Se non trovi informazioni sufficienti, sappi che solitamente la lunghezza varia da 3 metri a 7, 5 metri.
In ogni caso se proprio sei indeciso, nel dubbio opta per eccedere. D’altronde se il cavo è in più non ci vuole nulla a tagliarlo, se invece è di meno, beh non potrai aggiungerne dell’altro e di conseguenza quello che hai tagliato in difetto non ti sarà per nulla utile.

 

Sostituzione filo decespugliatore: ecco come fare

I passaggi che ti indicheremo nell’elenco puntato in basso si riferiscono alla sostituzione del filo in un decespugliatore dotato di testina Tap & Go. Questo è ormai il sistema più diffuso visto che permette di far riapparire il cavo (quando esaurito) semplicemente battendo un colpo a terra.
Premesso ciò, ora spieghiamo come cambiare il filo del decespugliatore.

  • Spegni il motore: la sostituzione va effettuata con il decespugliatore spento.
  • Togli il coperchio della testina: il modo in cui toglierlo varia in base  al tipo di prodotto, in alcuni casi basta svitare in altri bisogna agire su delle linguette.
  • Prendere la matassa di filo per la sostituzione: bisogna tagliarla un po’, in linea di massima sette o otto metri dovrebbero bastare. E come specificato in precedenza, nel dubbio bisogna optare per l’eccesso no per il difetto.
  • Inserisci i fili (in successione) nel foro della bobina: avvolgi il primo filo seguendo il senso delle frecce (devi avvolgerlo in modo preciso e ben stretto) e dopodiché bisogna bloccare ciò che resta (in linea generale circa 15 cm) nell’apposito sistema di fissaggio. Lo stesso dovrai fare con il secondo filo.
  • I fili “restanti” vanno messi nelle asole: le parti del filo che avevamo precedentemente bloccato, adesso vanno sbloccate e inserite nelle apposite asole.
  • Inserisci la bobina nella testina: assicurati di tirare i fili in modo che possano scorrere liberamente. Dopo di ciò sei finalmente pronto per ricominciare ad utilizzare il tuo decespugliatore.

 

Quale filo usare per decespugliatore?

Come specificato anche nell’articolo “decespugliatore a filo” si può scegliere tra due tipologie di filo che si differenziano per il diverso utilizzo.
Filo tondo: da utilizzare per i compiti ordinari, quindi la rimozione di erba e sterpaglia.
Filo a doppio strato: è quello più resistente adatto per agire sui cannetti e sottobosco. Il doppio strato garantisce la resistenza del filo anche in caso di urto contro muretti e pietre.