Decespugliatore a 4 tempi: scopriamo vantaggi, differenze e modelli

Decespugliatore a 4 tempiLa tecnologia fa passi da gigante ed è riuscita a realizzare il decespugliatore a 4 tempi. Un autentico e innovativo decespugliatore a scoppio che si differenzia parecchio dal  due tempi e mostra anche più vantaggi, ma siamo così certi che questo nuovo macchinario sia migliore del precedente?
Lo scopriremo in questo articolo dove, oltre a valutare la differenza sostanziale tra questi motori, potrai anche scoprire delle convenienti offerte per acquistare a prezzo ridotto dei modelli a quattro tempi. Ti suggeriremo anche tre modelli da noi definiti “i migliori”.

 

Prima di vedere le differenze tra i decespugliatori 2 tempi e 4 tempi e scoprire tutti gli altri argomenti di questo articolo, vogliamo mostrarti le seguenti offerte.

 

Ultimo aggiornamento: 20 Marzo 2019 12:31

 

I migliori decespugliatori a 4 tempi

Sei già convinto di acquistare un decespugliatore a 4 tempi?
Non ti serve sapere altro?
Hai già preso la decisione sulla tipologia di motore, ma non sul modello specifico da acquistare?

Nei prossimi sotto-paragrafi ti segnaleremo tre ottimi decespugliatori a 4 tempi.

Miglior decespugliatore a 4 tempi: fascia di prezzo bassa

Il decespugliatore che consigliamo agli hobbisti che non possono o non vogliono spendere delle cifre “importanti” è Einhell GC-BC  31-4 S. Modello che non necessita della miscela, basta solo inserire la benzina (il serbatoio ne contiene fino a 0,7 litri). Inoltre, grazie al sistema Quick Start si avvia con facilità.
Da segnalare pure la comodità di utilizzo grazie ai comandi che si trovano già sull’impugnatura. Tra l’altro il manubrio è regolabile.
E quanto costa il decespugliatore Einhell GB BC 31 4 S?
Per essere un modello 4 tempi, costa davvero poco [scopri qui quanto].

Miglior decespugliatore a 4 tempi: fascia di prezzo medio-bassa

Tra i modelli di fascia medio-bassa citiamo il McCulloch B428 PS, il cui motore vanta una cilindrata di 28 cc. Anche in tal caso non serve miscelare la benzina ed è già attrezzato con testina a filo e a lama.
Può essere usato con più accessori grazie alla presenza del sistema Split Shaft.
Tra le altre caratteristiche tecniche segnaliamo che la larghezza di taglio è di 52 cm e il serbatoio contiene fino a 0,45 lt di carburante. Inoltre, l’impugnatura è regolabile e grazie al sistema Soft Start e al Primer l’avvio dell’utensile è decisamente più semplice e veloce.
Curioso di scoprire il prezzo di questo prodotto?
Allora puoi cliccare qui.

Miglior decespugliatore a 4 tempi: fascia di prezzo medio-alta

Saliamo con la qualità (ahinoi, pure con il prezzo) e ci fiondiamo sul decespugliatore Honda Umk 425 Le. Modello assolutamente professionale caratterizzato dalla confortevole imbracatura e dall’asta di trasmissione adatta per fronteggiare i lavori più gravosi. La cilindrata del motore è di 25 cc, mentre la potenza netta è di 0,72 kw (la velocità è di 7000 rpm).
Decespugliatore a miscela (serbatoio olio da 0,08 litri e serbatoio benzina da 0,58 litri) che, essendo professionale, non può costare poco come il primissimo decespugliatore a scoppio consigliato [scopri qui il prezzo del modello Honda].

 

Decespugliatore 4 tempi o 2 tempi: qual è il migliore?

Un decespugliatore con motore a scoppio è uno strumento utilissimo per la rifinitura di un giardino e per l’eliminazione di folta sterpaglia, rovi, cespugli e arbusti. Uno strumento che negli anni è stato rinnovato e migliorato. Questo processo di innovazione e miglioramento non è ancora finito, grazie all’avvento del decespugliatore 4 tempi.
Adesso ne andremo ad elencare tutti i vantaggi.

  • Riduzione dei gas inquinanti: inquinerai nettamente di meno. Un modo ulteriore per rispettare te stesso e l’ambiente che ti circonda.
  • Minor consumo di carburante e di olio.
  • Più sollievo per i tuoi timpani: il decespugliatore 4 tempi è più silenzioso di un due tempi.
  • Minori vibrazioni.
  • Il motore può essere inclinato a 360 gradi: questo permette di occuparti del tuo giardino in maniera più confortevole.

Questi appena elencati sono i vantaggi del motore quattro tempi. Da questo elenco sembrerebbe palese preferire un decespugliatore 4 tempi, ma in realtà non è per forza così perché anche i modelli a due tempi mostrano alcuni vantaggi:

  • Minor costo di manutenzione.
  • Maggiore potenza: ovviamente questo beneficio è da considerare mettendo a paragone due modelli a scoppio dalle eguali caratteristiche tecniche.


Inoltre, la tecnologia fa passi da gigante e adesso pure i motori dei decespugliatori a 2 tempi consumano meno ed inquinano di meno. Ceto, non siamo agli stessi livelli di un decespugliatore a 4 tempi ma è comunque una caratteristica da sottolineare.

Dopo aver visto i pregi per ognuno di questi macchinari, di certo notiamo palesemente che un motore a 4 tempi ha da offrire più benefici. Tuttavia, quegli unici due pregi in più a favore del 2 tempi ci fa capire come non sia ancora ora di “rottamare” tali decespugliatori..

 

Decespugliatore a quattro tempi: prezzi

Il prezzo di un decespugliatore a 4 tempi, a seconda delle caratteristiche e funzioni, non si discosta molto da un decespugliatore a due tempi, però a parità di caratteristiche costano di più i primi dei secondi. E a tal proposito qui puoi scoprire i prezzi dei decespugliatori 4 tempi disponibili.

 

Differenza motore 4 tempi e 2 tempi

Adesso, spiegheremo in breve la differenza tra un motore 4 tempi e 2 tempi.
Il motore 4 tempi è formato da quattro distinte fasi:

  • Aspirazione: il pistone scende nel cilindro provocando una pressione tale da risucchiare la miscela, tramite la valvola di aspirazione.
  • Compressione: le valvole a questo punto, non sono più aperte, ma chiuse. Questo comporta che il pistone nella sua azione di risalita, comprima il carburante nella camera a scoppio.
  • Scoppio: il pistone trovandosi sempre nella parte superiore, provoca la scintilla tra le puntine della candela. Così si provoca lo scoppio che riporterà di nuovo verso il basso il pistone.
  • Scarico: sempre il povero pistone, stavolta lanciato verso il basso, fa aprire la valvola di scarico, dove vengono buttati tutti i gas bruciati. Così facendo, il pistone potrà finalmente risalire, ma non troverà di certo pace, perché per lui inizierà nuovamente la fase di aspirazione.

La differenza con il due tempi sta nel fatto che i tempi si accorciano. Non sono quattro le fasi, ma solo due. Infatti: aspirazione-compressione è il primo tempo, scoppio e scarico insieme formano il secondo tempo. Questa la sostanziale diversità tecnica.